fbpx
  • Home
  • Notizie
  • L'Onu lancia l'allarme: misure inadeguate per i cambiamenti climatici, rischio Aparthid climatico
L'Onu lancia l'allarme: misure inadeguate per i cambiamenti climatici, rischio Aparthid climatico

L'Onu lancia l'allarme: misure inadeguate per i cambiamenti climatici, rischio Aparthid climatico

L'Onu lancia l'allarme: "Il pianeta rischia un apartheid climatico". Il relatore speciale Philip Alston giudica le misure adottate dalle Nazioni Unite inadeguate e non sufficienti a salvare la Terra.

Philip Alston, relatore speciale dell'Onu, lancia l'allarme sull'estrema povertà e le sue conseguenze. Il pianeta, infatti, rischia un "apartheid climatico" in cui i ricchi hanno i mezzi per sfuggire alla fame "mentre il resto del mondo è lasciato a soffrire". Alston, nel suo rapporto al Consiglio dei diritti umani, giudica le misure adottate dalle Nazioni Unite "palesemente inadeguate" e non sufficienti a salvare la Terra dal "disastro imminente".

L'australiano Alston fa parte di un gruppo di esperti indipendenti delle Nazioni Unite. L'avvertimento chiave del rapporto, basato sulle ultime ricerche scientifiche e presentato a Ginevra, è che i poveri del mondo rischiano di essere colpiti più duramente dall'aumento delle temperature e dalla potenziale penuria di cibo e dai conflitti che potrebbero accompagnare questo cambiamento.

Si prevede che le nazioni in via di sviluppo soffriranno almeno il 75% dei costi dei cambiamenti climatici, nonostante il fatto che la metà più povera della popolazione mondiale generi solo il 10% delle emissioni di CO2.

"Climate change, 120 milioni di nuovi poveri entro il 2030" - "Il cambiamento climatico minaccia di annullare gli ultimi 50 anni di progressi nello sviluppo, nella salute globale e nella riduzione della povertà", ha poi allertato il relatore speciale dell'Onu sull'estrema povertà e i diritti umani. Alston ha avvertito che il climate change "potrebbe condurre oltre 120 milioni di persone in più in povertà entro il 2030". "Ancora oggi - ha aggiunto - troppi Paesi stanno facendo passi miopi nella direzione sbagliata".

fonte tgcom24

Tags: clima

Addio plastica monouso dal 2021 in tutti i Paesi Ue

Addio plastica monouso dal 2021 in tutti i Paesi Ue

E' del 27 marzo 2019 la notizia dell'approvazione da parte del parlamento europeo della direttiva che prevede lo stop alla produzione e alla commercializzazione di dieci prodotti di plastica monouso di uso comune.

Lavorare con il proprio cane, a Milano si può

Svariate aziende, nel tempo, hanno introdotto servizi collaterali fruibili ai propri lavoratori. C'è chi mette a disposizione il frigorifero gratuito, chi la palestra, chi la piscina o multinazionali che mettono a disposizione scuole o servizi…